Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 6 Settembre 2021

62

Non era un malato, non era un disabile, non era un paralitico… era prima di tutto un uomo e poi con la mano destra paralizzata. Era un uomo, perché Gesù non identifica mai il difetto con la persona, per Gesù non sei malato o peccatore, ma per Gesù ci sei tu, uomo o donna, punto e basta.

E la forza della guarigione è proprio questa: sei al centro. Non sei escluso. Né tanto meno devi tu identificarti con la tua fragilità o piegarti su di essa, no!
Alzati! Mettiti al centro!

È questo considerarti, questo non escluderti, questo metterti al centro e stare al centro con te che ti guarisce. Perché quando qualcuno vede te e non la tua fragilità o il tuo difetto… già questo ti cambia la vita!

Siamo fatti per camminare a testa alta. Le nostre fragilità non ci tolgono la dignità di persone amate da Dio.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 6 Settembre 2021
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 6 Settembre 2021