Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 5 Maggio 2022

60

- Pubblicità -

Due provocazioni mi suscita il vangelo di oggi…

Prima di tutto, siamo cristiani per attrazione… non siamo protagonisti della nostra fede… siamo solo persone che rispondono ad una chiamata… non è frutto della nostra capacità o della nostra bravura.

E questo spesso ce lo dimentichiamo… perché continuiamo a vivere concentrandoci sulle nostre capacità… sulle nostre risorse… sui noi stessi… sempre al centro… sempre a sottolineare quanto siamo bravi.

Oggi, il vangelo ci ricorda che non dipende tutto da noi, ma da Lui!
Forse occorre scendere dal piedistallo delle nostre convinzioni… per metterci in ginocchio e ringraziare!

In secondo luogo, di cosa ci nutriamo? Cosa ci dà pienezza? Da cosa siamo attratti? Dal successo? Dallo sguardo degli altri? Dal riconoscimento delle nostre capacità?

Gesù sembra indicarci un paradosso… ci si nutre… diventando pane per gli altri: mangiare Gesù per diventare come Lui… pane che si dona!

Tutto inizia con uno sguardo: il cuore si ferma dove si posano gli occhi!

- Pubblicità -

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 5 Maggio 2022
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 5 Maggio 2022