Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 5 Aprile 2022

49

- Pubblicità -

Spesso la fede viene molto psicologizzata… viene ridotta a semplice cammino di miglioramento personale… un percorso per volersi più bene e accogliere gli altri…

Non sono aspetti sbagliati… non sono frutti brutti di un cammino di fede… ma semplicemente non sono gli unici frutti né tantomeno quelli più specifici!

Questi risultati, infatti, si possono produrre anche con cammini umani che non hanno nulla a che fare con Gesù Cristo e Dio. Il vero cammino di fede, infatti, è ben altro… comporta una visione soprannaturale che nessun cammino umano può fornire!

Credere è conoscere, relazionarsi, amare, fidarsi e affidarsi al Dio di Gesù Cristo… non si tratta di fare un cammino di perfezione, ma di cogliere e accogliere un Amore che nessuno altro può dare di pari grandezza e intensità!

Un cammino umano può portare al miglioramento della propria vita… il cammino di fede porta al miglioramento della propria vita perché sperimenta già in questa vita una dimensione soprannaturale… di eternità che dà senso, appunto, alla propria vita… alla propria quotidianità!

Si tratta di vivere l’aldilà nell’aldiqua… cercando tracce di eternità nella vita di ogni giorno… cercando Cristo nelle nostre relazioni e in ogni circostanza della nostra vita! E questo nessun cammino solamente umano lo può fare trovare.

Cerca Dio, cercalo sempre, cercalo ovunque, cercalo con tutte le tue forze… si farà trovare!

- Pubblicità -

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 5 Aprile 2022
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 5 Aprile 2022