Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 4 Novembre 2020

85

Sono davvero tanti gli insegnamenti del vangelo di oggi!

1- Sembra dare molto fastidio la prima frase di Gesù. Vuole essere amato più dei nostri genitori… figli… fratelli… e della nostra vita. Il senso è molto bello e importante: Gesù vuole il primato dell’amore perché è Lui che ci insegna ad Amare. Solo dando il primato a Lui riusciremo ad amare meglio i nostri genitori… figli… fratelli… e vita. Si tratta di imparare da Lui il vero senso e modo di amare…

2- Cosa è la croce? La croce rappresenta tutta quella sofferenza che ognuno di noi deve affrontare per portare avanti in maniera cristiana la propria vita. Non dobbiamo pensare alla croce come la sofferenza in sé e per sé, ma quella sofferenza dovuta alla nostra specifica missione di cristiani. Mi spiego, tutte quelle sofferenze che affronto per rimanere fedele al mio sacerdozio sono la mia croce.

Tutte le sofferenze che un marito deve affrontare per rimanere fedele alla propria moglie… ma anche alla propria famiglia sono la sua croce. O, ancora, quelle difficoltà… tentazioni… sofferenze che un cristiano deve affrontare per rimanere nella correttezza… nella giustizia… nella coerenza della propria vita di fede… sono la sua croce. E le nostre croci hanno senso solo perché c’è la Croce di Cristo. È la croce di Cristo che ci salva… non le nostre!
3- Nella vita… come nella vita di fede… mai fare il passo più lungo della gamba. Il calcolo di cui parla Gesù nel vangelo è prudenza… discernimento… riflessione… sapienza. Il cristiano non improvvisa… ma vede ciò che c’è da fare… ci prega… fa discernimento… e se è necessario agisce… altrimenti si ferma. Non è mai un fallimento ritornare sui propri passi quando è frutto del discernimento.

Insomma… poche parole che racchiudono un grande insegnamento!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio MancusoPAGINA FACEBOOKTELEGRAM

Image by blenderfan from Pixabay