Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 4 Aprile 2022

96

- Pubblicità -

Usciamo fuori da un equivoco tanto comune alle persone comuni… Dio non è un amico immaginario… non è una entità astratta… e la fede non è credere in Dio perché ci risolva i problemi… perché ci protegga dal male… perché ci eviti le malattie. Questa non è fede, è superstizione… è magia!

Credere in un Dio amuleto… ci farà sempre finire nella delusione e nella infelicità!

Il nostro Dio è un Dio con il quale ci si relaziona… non è un Dio muto… è un Dio che prima di essere orecchio nel quale versare le nostre richieste e lamentele, è un Dio che parla… che indica la strada… che fa luce sulla nostra vita… fino a dare senso anche all’incomprensibile!

Il vero problema è… che è sempre più facile chiedere piuttosto che confrontarsi…
Il vero problema è che quando le cose non vanno come speriamo e desideriamo… mandiamo all’aria il nostro rapporto con Dio!

Se parli sempre tu… non ascolterai mai nessuno… neanche Dio!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

- Pubblicità -

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 4 Aprile 2022
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 4 Aprile 2022