Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 3 Maggio 2021

52

A volte, forse troppo poche, ci fermiamo a parlare di Dio. Molto spesso parliamo con Dio. Ma in entrambi i casi, forse, dimentichiamo che Dio è molto più di quello che noi possiamo immaginare.
Parliamo di Dio con la presunzione di sapere cosa pensa, cosa vuole, cosa dice…
Parliamo con Dio con la spontaneità con cui parleremmo con un amico immaginario… al quale raccontare (sempre) i nostri problemi e con il quale condividere (quasi mai) le nostre gioie.
Non è colpa nostra… forse non potremmo fare diversamente.
Di fatto… dimentichiamo che Dio è un mistero.
Attenzione, un mistero, non un enigma. La differenza è importante.
L’enigma, infatti è una cosa oscura, inspiegabile, incomprensibile…
Il mistero, invece, è qualcosa di molto più grande… e anche se non lo si può conoscere dettagliatamente, nel mistero si può entrare, il mistero si può abitare, il mistero lo si può vivere, col mistero ci si può relazionare…
Ecco, Dio è un mistero ma NON è misterioso… non è un arcano, non è un segreto… ci si relazione attraverso Gesù, la Sua Parola, il confronto con Lui. E’ Lui la chiave, la via appunto, per accedere a Dio… ed è grazie a Lui che Dio non è più anonimo, non è più lontano e irraggiungibile, ma è Padre… ed è Amore!
… non un Dio anonimo ma un Padre…
… non un Dio lontano ma Amore…
Questo è il nostro Dio!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 3 Maggio 2021
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 3 Maggio 2021