Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 3 Gennaio 2021

93

Ancora una volta, in questo periodo, ci confrontiamo con questo vangelo. Oggi mi sono fatto provocare da alcuni versetti… e desidero condividere con voi quello che ho meditato.

Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto: grazia su grazia.

Gesù è la pienezza della vita, Colui che dà pienezza alla nostra vita.
Sì, perché alla fine, ciò che cerchiamo veramente è una vita piena e per ottenere questa vita piena, di fatto, non facciamo altro che rincorrere cose, situazioni e persone per poi trovarci ad avere a che fare con vite a metà… delusioni… tradimenti… pienezze semi vuote!

La vita di chi non cerca la vera pienezza è spesso piena di delusioni… è una vita a singhiozzo nella quale si alternano momenti di felicità e momenti di sconforto.

Gesù è venuto a consegnarci una vita piena… completa… senza buchi… senza alternanza. Una vita da protagonista… una vita non senza difficoltà… non senza fragilità… ma una vita nella quale la difficoltà e la fragilità sono vissute… sono affrontate… sono inglobate NELLA pienezza… nella felicità!

E chi lo dice che la vita deve essere senza difficoltà? Senza fragilità? Sarebbe una vita a metà.

Gesù ci insegna a vivere la PIENEZZA nelle difficoltà!

Una vita senza difficoltà non è una vera vita… è una utopia… una finzione… e ormai, di finzioni, siamo circondati!

Grazia e verità. Questo ci porta Gesù. Le nostre vite possono non essere facili… possono non essere forti… possono non essere perfette… ma proprio per questo sono vere e solo con la Grazia che viene da Lui possono essere vissute in pienezza… nella verità e quindi nella vera felicità!

Essere felici non dipende da quello che abbiamo fuori ma da quello che viviamo dentro di noi: fai entrare Cristo, la Sua Grazie… e capirai cosa è la vera felicità!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 3 Gennaio 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 3 Gennaio 2021