Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 3 Aprile 2022

86

- Pubblicità -

Stiamo attenti ai movimenti… alle posizioni… alle dinamiche per scoprire uno dei messaggi del vangelo di oggi.

Gesù è seduto e mentre insegna scribi e farisei gli portano una peccatrice. Non solo gliela portano ma la mettono “nel mezzo”.
Scribi e farisei mettono nel mezzo per giudicare, per accusare, per svergognare… è questo il loro modo… il loro stile!

Gesù si china a scrivere… mille cose si sono dette e scritte su questo… io voglio dire la più spontanea e banale che mi viene: Gesù prende tempo… perché non sempre è facile capire cosa è giusto dire e fare… prende tempo per sé… per discernere… per pregare… prende tempo per creare aspettativa… per fare capire agli scribi e farisei che non ci sono ricette già pronte soprattutto quando in gioco c’è la vita delle persone… e la risposta che dà è una bomba!

Gesù non dà risposte ma fa scegliere loro… sposta l’attenzione al cuore della questione e al cuore delle persone… prima di giudicare e agire… guardatevi dentro e giudicate e agite solo dopo avere fatto i conti con la vostra coscienza… col vostro cuore… con i vostri desideri… con le vostre fragilità… e forse scoprirete che nel vostro cuore e nel suo cuore abitano gli stessi sentimenti… le stesse paure… gli stessi bisogni… gli stessi traumi!

Rimane Gesù e la donna “là in mezzo”. Ma in mezzo a cosa se se ne sono andati tutti? Se il mezzo, il centro è un punto equidistante da tutti… in mezzo a cosa è rimasta se c’è solo Gesù?

Il fatto è proprio questo: mentre l’uomo ti mette al centro per giudicarti… Gesù sta al centro con te…. Gesù sta nel mezzo insieme a te e alla tua fragilità… e, anzi, quel posto diventa proprio il centro del mondo perché ci sei tu con Lui!

Prima di parlare degli altri e di giudicarli guardati dentro e solo dopo avrai parole di misericordia!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 3 Aprile 2022
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 3 Aprile 2022