Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 28 Marzo 2022

107

- Pubblicità -

“Quell’uomo credette alla parola che Gesù gli aveva detto e si mise in cammino”.

Siamo bombardati da tante parole che creano confusione e rischiano di farci prendere strade sbagliate.
Abbiamo bisogno di chiarezza, di verità, di speranza… abbiamo bisogno di parole belle che riscaldano il cuore, che consolano, che non ci fanno né restare fermi, né andari indietro.

Quella di Dio è una Parola che muove, che mette in cammino, che sprona, che mette in discussione… ma anche che dà speranza… che dà opportunità… che dà vita!
Quando una parola ha questi effetti, viene da Dio, perché tutto ciò che viene da Dio fa camminare… fa crescere…

Dio ci parla anche attraverso altre voci, ma bisogna saperle ascoltare… occorre fare silenzio… sapere discernerle e accettare anche qualcosa di diverso dalle nostre aspettative nella convinzione che comunque è per la nostra salvezza!

Abbiamo bisogno di parole di speranza, che riscaldino il cuore, che infondano coraggio.
Parola da ascoltare… parole da annunciare…

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentela Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 28 Marzo 2022
Articolo successivoVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 28 Marzo 2022