Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 27 Settembre 2021

70

Umiltà. Ci vuole umiltà. Riconoscersi piccoli e farsi piccoli nonostante la propria grandezza. Penso che possa essere questa una definizione di umiltà.

Sì, perché umile è colui che sa di non avere molto… colui che non ostenta quello che non ha. È colui che sa di avere delle debolezze… delle fragilità… e le accetta… le accoglie… e vive sapendo di averle…

Ma umile è anche colui che si riconosce delle qualità senza ostentarle… senza farle pesare agli altri… e soprattutto senza pensare di essere migliore di chi quelle qualità non le possiede… e quindi si fa piccolo come colui che sa accettare da altri… che sa arricchirsi dalla relazione con gli altri… con chiunque… come i bambini!

Insomma… ci vuole quella umiltà che manca a Giovanni che pensa di possedere Gesù solo perché forse lo conosce meglio di altri.

C’è una parte di verità nelle situazioni che ti sfuggirà sempre, vivi sapendo che non potrai mai sapere e gestire tutto. In questi casi affidati a Dio.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 27 Settembre 2021
Articolo successivoVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 27 Settembre 2021