Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 27 Agosto 2021

120

Cosa è l’olio?
Non è qualcosa che mi impedisce di addormentarmi, perché tutte le vergini si addormentano, sia le stolte che le sagge, sia quelle che hanno l’olio, sia quelle che non l’hanno.
Non è qualcosa che mi permette di conoscere o riconoscere il Signore, perché tutte le vergini ascoltano e riconoscono la voce che dice “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”, sia quelle che hanno l’olio, sia quelle che non l’hanno.
Non è la volontà di seguire il Signore, perché tutte e dieci le vergini prendono le lampade per uscire incontro al Signore, sia quelle che hanno l’olio, sia quelle che non l’hanno.

La lampada rappresenta quello che “si fa” per relazionarsi con Dio, è lo “strumento” che si usa per accogliere lo sposo, per vedere e farsi vedere dallo sposo, ma anche per andare con lui, per muoversi, per raggiungerlo, per fare festa con lui… insomma, la lampada rappresenta i nostri atti di culto, le nostre preghiere, le nostre liturgie, la vita credente che facciamo…

L’olio è qualcosa che non si vede ma che serve per fare “funzionare” la lampada, che fa sì che la lampada faccia il suo effetto… e non è qualcosa che può darti qualcun altro… non si può ricevere, non te lo possono prestare, ma per avere l’olio è necessario che tu concretamente faccia qualcosa.
Andare a comprare l’olio significa fare qualcosa, metterci qualcosa di proprio.

Mi puoi prestare la lampada, posso avere la lampada, ma se non ci metto il MIO olio, quella lampada anche la più bella, non serve a niente.
Posso fare le preghiere più lunghe, più belle, più numerose… posso partecipare a messe, catechesi, adorazioni, digiuni e penitenze… ma possono rimanere atti belli ma inefficaci, assolutamente inutili… ciò che è importante è metterci il cuore, mettere se stessi… ciò che è importante è essere veri e questo non si vede, lo sai solo tu ma soprattutto se ne accorge Dio.

Nella vita di fede è così: si vuole seguire, si desidera seguire il Signore… lo si conosce, lo si segue, si ha una vita di preghiera… lo si sa riconoscere nella Sua Parola, negli eventi della propria vita, nelle relazioni…
Può capitare anche di cadere, di peccare, di passare un periodo di lontananza…
Ma ciò che è veramente importante è cosa si fa dopo che si prende coscienza di essere caduti… di essersi allontanati… quando si vuole ritornare in carreggiata. Questo è un momento fondamentale.

Cosa è l’olio? L’olio è la verità della tua relazione con Dio, ciò che muove veramente i tuoi atti di culto.

Non è importante se sbagli, se pecchi, se ti allontani da Dio. Ciò che conta è se veramente vuoi seguirlo e quello che fai per seguirlo.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 27 Agosto 2021
Articolo successivoAlberto Maggi – Commento al Vangelo di domenica 29 Agosto 2021