Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 26 Marzo 2022

106

- Pubblicità -

All’inizio della celebrazione, la prima cosa che facciamo è un esame di coscienza nel quale riconosciamo non solo i motivi per ringraziare il Signore, ma anche le nostre fragilità, le nostre debolezze, i nostri peccati.

Perché solo chi riconosce di avere bisogno della misericordia, la può chiedere e quindi ottenere! Solo chi riconosce di avere bisogno di Dio si può accostare a Lui!

C’è una cosa di fronte alla quale Dio si ferma… si blocca… la presunzione dell’uomo, la sua superbia. Di fronte all’uomo che dice: non ho bisogno di te, Dio si ferma, perché chi ama davvero, lascia liberi!

Riconoscere i propri errori, i propri peccati è il primo passo per la salvezza!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

- Pubblicità -

Articolo precedentela Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 26 Marzo 2022
Articolo successivodon Fulvio Capitani – Commento al Vangelo del 27 Marzo 2022