Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 26 Maggio 2022

94

- Pubblicità -

La vita di fede non è altro che un continuo passare e alternarsi di questo tempo, da un poco e non mi vedrete più ad un poco ancora e mi vedrete. Dallo sperimentare momenti di assenza di Gesù, allo sperimentare grande gioia e pienezza, desolazioni e consolazioni.

La vera maturità sta nel sapere gestire entrambi i momenti… nel sapere che le desolazioni passeranno e che il Signore è presente anche quando non lo si sente.

Quante volte mi viene chiesto: perché c’è stato un momento della mia vita nel quale sentivo la presenza del Signore? perché c’è stato un momento della mia vita che pregavo con più entusiasmo… ne vedevo immediatamente i frutti?

La mia risposta è: non lo so! Forse, però, Dio ci fa sperimentare delle consolazioni… ci riempie di carezze per darci prova della sua presenza. Ma ad un certo punto è necessario credere al di là di ciò che sentiamo e sperimentiamo… ad un certo punto, dopo avere avuto le nostre certezze, occorre non essere più legati a certe dinamiche… perché Dio c’è… agisce… anche quando non lo si sente più.

La tua fede non si basa su ciò che senti… ma su chi credi!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

- Pubblicità -

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 26 Maggio 2022
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 26 Maggio 2022