Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 25 Giugno 2020

16

Due riflessioni mi vengono in mente dalla meditazione del vangelo di oggi.

La prima riguarda la nostra vita da intendere come vita vocazionale.
Sì… tutti siamo chiamati a fare qualcosa di particolare e specifico… insomma: c’è una volontà di Dio su di noi… sulla nostra vita… una volontà da scoprire… da vivere… e questa volontà si scopre con la preghiera… e con la disponibilità a mettersi veramente in gioco… ad accettare di abbandonarsi a Lui…

Anche la seconda riguarda la nostra vita… e Gesù fa comprendere chiaramente come la tempesta… le tempeste… nella vita ci sono e ci saranno sempre.
Insomma… non esistono vite senza difficoltà… e le difficoltà diventano la prova per capire… per comprendere… su cosa basiamo la nostra vita.

Proprio così… se la nostra vita è basata sui nostri progetti… sulle nostre forze… sulle nostre capacità… le tempeste ci travolgeranno…
Se, invece, la nostra vita è basata sul Signore… sulla sua volontà e sulla fiducia che in Lui tutto è possibile… la tempesta ci rafforzerà…

Alla fine… quindi… non dipende né dalle tempeste… né dagli altri… ma solo da noi: su cosa basiamo la nostra vita… già… su cosa basiamo la nostra vita? Qual è il nostro fondamento?

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso
FONTE:
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedenteRobert Cheaib – Commento al Vangelo del 25 Giugno 2020
Articolo successivop. Arturo MCCJ – Commento al Vangelo del 25 Giugno 2020