Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 24 Maggio 2020

228

Addio Gesù… Ad Dio
Ci vediamo in Dio… anzi se vogliamo lettere con attenzione queste sue ultime parole: non se ne va… è presente in modo diverso!

Ora tocca a noi… e Lui sarà con noi!
Ora tocca a noi continuare la sua opera… sì perché in quegli undici… ci siamo tutti… c’è la chiesa.

Ma quando si dice chiesa non dobbiamo pensare all’istituzione… non dobbiamo pensare al clero… non dobbiamo pensare a chi dentro la Chiesa ha dei ruoli… dei compiti… dobbiamo pensare a tutti ma proprio a tutti noi… a tutti i battezzati… a tutti i credenti…

Undici è un numero anche simbolico… undici ci ricorda che non basta essere scelti e chiamati da Gesù (perché lui ne ha scelti e chiamati 12, ma uno lo ha tradito…) e di questi ci viene detto che si prostrano ma anche dubitano… perché noi… come i suoi discepoli… non siamo perfetti…

Insomma… undici ci ricorda che per fare cose grandi non occorre essere i migliori… che non sempre si arriva primi… che nella vita ci sono anche cadute… ci sono anche fallimenti… ci sono peccati… ma quello che conta non è non cadere… ma scegliere sempre si seguirlo… anche quando noi stessi prendiamo altre strade…

Oggi è la nostra festa… la festa di chi ha deciso con tutte le sue fragilità e ferite… con tutte le sue cadute e imperfezioni… di seguirlo!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso
FONTE:
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER

Image by blenderfan from Pixabay