Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 22 Gennaio 2021

93

In quel tempo, Gesù salì sul monte, chiamò a sé quelli che voleva ed essi andarono da lui. Ne costituì Dodici – che chiamò apostoli –, perché stessero con lui e per mandarli a predicare con il potere di scacciare i demòni.
Costituì dunque i Dodici: Simone, al quale impose il nome di Pietro, poi Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanèrghes, cioè “figli del tuono”; e Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo, figlio di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananeo e Giuda Iscariota, il quale poi lo tradì.

Parola del Signore

C’è una volontà di Gesù… un progetto… un sogno per ciascuno di noi…
Ci vede… ci conosce… ci chiama… nonostante e con i nostri limiti, le nostre fragilità… le nostre caratteristiche… come ha fatto con i dodici così continua a fare con noi…

Ed è proprio per questa sua conoscenza dei nostri limiti che è necessario quel “stessero con lui”…

Senza stare con Lui diventiamo schiavi delle nostre debolezze… se stiamo con Lui e alla sua sequela… queste debolezze possono diventare punti di forza… occasione e opportunità per migliorare… cambiare… gestire meglio tutte le nostre risorse.

Gesù ha un sogno su di noi… ma i suoi progetti non sono mai un obbligo. Nonostante amati e chiamati da Lui, rimaniamo sempre liberi… liberi di seguirlo… liberi di rifiutarci… liberi di sbagliare… liberi di tradirlo come ha fatto Giuda.

Ed è proprio la nostra libertà la manifestazione della grandezza del suo amore per noi… perché chi ama lascia liberi… perché il vero Amore è liberante…

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay