Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 22 Aprile 2021

117

La storia fede di ogni credente è la storia un continuo rincorrersi e ricercarsi con Dio.
Lui ci cerca, sempre, e sempre ci manda segnali (più che segni) della sua vicinanza… della sua presenza… e sempre ci attende…
La bellezza e la grandezza del cammino di fede sta nel fare esperienza di questa vicinanza con Dio. Un Dio che non è l’amico immaginario con cui parlare… un Dio che non è un Dio lontano… un Dio che parla con la Sua Parola… un Dio ha fatto esperienza della sofferenza… un Dio che si rende presente nella Eucarestia… un Dio che non ci lascia mai soli… mai!
“Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”. Vivere in eterno è vivere con l’eterno. E quando hai l’eternità dentro il cuore… affronti tutto.
Se solo riuscissimo a comprendere l’importanza della Parola e dell’Eucarestia… se solo riuscissimo a sperimentare la Sua Presenza nella liturgia… la nostra vita sarebbe completamente diversa…
Il cielo “si piega” su di noi… questo è quello che accade durante la messa: Dio ci parla, Dio si rende presente… Dio si dona… se solo riuscissimo a cogliere questo miracolo… non ne cercheremo altri!
Dio ti cerca… Dio ti parla… Dio ti ama… Dio si dona a te…
Questo è il più grande miracolo!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 22 Aprile 2021
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 22 Aprile 2021