Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 21 Novembre 2020

50

Due provocazioni mi vengono dalla liturgia di oggi.

1- La prima la colgo dal vangelo. La fede, quando condivisa, quando vissuta, quando è ricerca insieme della volontà di Dio… unisce più della parentela… più dell’amicizia.
L’unione in Cristo unisce più di qualunque altra cosa.
Cosa significa “unione in Cristo”?
– Condividere la stessa fede e gli stessi valori;
– Condividere insieme la preghiera: pregare insieme per incontrare Dio e non l’altro (perché sì, a volte si può pregare insieme solo per incontrare l’altro e non Dio);
– Condividere il vangelo: condividere la meditazione del vangelo… i propri vissuti… ciò che la Parola di Dio ha detto e dato alla propria vita!
– Aiutarsi nel fare la volontà di Dio;
– Condividere opere di carità!

2- La seconda invece mi viene dalla memoria di oggi: la presentazione di Maria al tempio. Si tratta, fondamentalmente, di un gesto, di un rito che i genitori di Maria hanno fatto e vissuto quando Maria era piccola. L’hanno presentata a Dio. In qualche modo, l’hanno consacrata, offerta… potremmo intendere come se avessero detto a Dio: questa bambina è tua, noi desideriamo e per quanto ci riguarda ci impegniamo che avvenga nella sua vita ciò che hai pensato per lei!

Sì, insomma… si tratta di un atto di fede e di impegno della famiglia di Maria.
Maria, quindi, cresce in questo clima… in questo contesto… dentro questa forte testimonianza di fede… che, una volta cresciuta, ha condiviso totalmente… pienamente.
Ecco… sebbene lei, per grazia di Dio, sia stata concepita senza peccato originale, ad un certo punto della sua vita ha “sposato” il progetto di Dio.

Quello che questa memoria mi ha fatto venire in mente è che ciò che oggi avviene di bello (ma anche di brutto) nella nostra vita, spesso non è altro che il frutto di scelte fatte da noi in precedenza. Insomma, c’è una preparazione… quando ti consacri al bene… a Dio… i frutti, prima o poi… si vedranno!!!!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay