Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 21 Marzo 2022

114

- Pubblicità -

Perché nessun profeta è bene accetto nella sua patria? Cosa vuol dire esattamente questo proverbio?
Significa che spesso, la conoscenza, o presunta tale, di una persona, diventa un limite che impedisce di scoprirne un aspetto, una novità, un pregio…

La conoscenza diventa pregiudizio… diventa uno schema, una prigione!

Purtroppo, funzioniamo così e così rischiamo di perderci tanta bellezza contenuta nelle persone… rischiamo di non farci sorprendere, meravigliare, stupire da quello che Dio può fare nella vita di chi abbiamo davanti… di chi incontriamo.

Dovremmo imparare che la conoscenza che abbiamo di persone e situazioni o l’esperienza fatta con quelle persone, sono solo un aspetto della persona… dovremmo imparare a dare più fiducia non solo alle persone che possono cambiare ma anche a Dio che continuamente agisce nella vita degli altri!

Non vivere di pregiudizi, le persone possono cambiare… Dai sempre un’altra opportunità!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

- Pubblicità -

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 21 Marzo 2022
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 21 Marzo 2022