Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 21 Maggio 2021

63

In questo dialogo si manifesta, ancora una volta, la grandezza dell’amore di Gesù. Ancora una volta Gesù ci mostra come si ama… ci fa vedere come amare è un’azione, una scelta, una decisione che riguarda il presente… il qui e ora di una relazione.
Gesù si trova di fronte a Pietro… di fronte al suo caro discepolo che lo ha tradito… che lo ha lasciato solo… che lo ha rinnegato… eppure lo ama senza se e senza ma e gli mostra fiducia, tanta fiducia che decide di affidargli la guida della chiesa.
Il dialogo tra i due, i termini usati, la differenza di intensità tra amare e volere bene… la richiesta\provocazione di Gesù mostrano la grandezza di Gesù… la grandezza dell’amore.
Gesù chiede il massimo per ottenere il massimo di Pietro. Per due volte chiede “mi ami?” ma appena si accorge che Pietro può arrivare solo al “ti voglio bene” rimodula la sua richiesta.
Gesù non ti chiederà mai ciò che tu non puoi dargli perché ti conosce… ti rispetta… conosce i tuoi limiti… le tue fragilità… ma anche le tue potenzialità e da te vuole il massimo che tu puoi dargli.
Amare qualcuno alla maniera di Dio significa conoscerlo, rispettarlo, accettare i suoi limiti e permettergli di diventare migliore.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 21 Maggio 2021
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 21 Maggio 2021