Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 2 Maggio 2020

37

Ancora una volta ci viene ricordato che credere in Gesù ha delle conseguenze nella nostra vita… nelle nostre scelte.
Credere comporta uno stile credente…
Credere comporta delle scelte credenti…
Credere comporta una vita credente…
Che non significa perfezione. Scegliere di percorrere una strada, non significa che si andrà sempre spediti… senza titubanze… senza cadute. Così è per il nostro cammino di fede… quello che spetta a noi è sceglierlo, incamminarci… e non tornare indietro.

Gesù ha fatto capire che il suo stile è quello della donazione… del donare la vita… dell’essere forti facendosi piccoli… e questo diventa un linguaggio troppo duro per chi si aspettava un altro ragionamento… un altro stile… diventa troppo difficile da accettare da chi, invece, pensava a Gesù come un uomo di successo e di potere.

Quando la fede ci mostra il lato della salvezza… del paradiso… dell’unione con Dio… siamo tutti spinti a credere e a testimoniare la nostra fede.
Quando, invece, la nostra fede sottolinea la dimensione dell’accoglienza… del servizio, dell’amore gratuito e del perdono… allora diventa tutto molto più difficile… e spesso ci tiriamo indietro… o peggio conviviamo con una fede di facciata…

Oggi Gesù ci ricorda di fare una scelta… o con Lui… o senza di Lui… con tutto quello che questo comporta… io non ho dubbi!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso
FONTE:
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER

Articolo precedentePiotr Zygulski – Commento al Vangelo del 2 Maggio 2020
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 2 Maggio 2020