Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 2 Luglio 2021

66

Gesù frequentava i peccatori… anche quelli pubblici… anche quelli più disprezzati come gli esattori… le prostitute. Il suo intento chiarissimo era quello di dare un’opportunità… di creare occasioni per la conversione… per la salvezza. Quella conversione… quella salvezza di cui tutti abbiamo bisogno, sempre!

Nessuno è così perfetto… così corretto… così santo… così giusto… da non avere bisogno di conversione…

Nessuno può dire… io ho capito tutto della mia vita… della mia fede… e non ho più bisogno di crescere…

Nessuno può dire: io non pecco più, oppure, ho meno bisogno di conversione di altri. Certo… magari alcuni peccati miei sono meno gravi di quelli di altre persone. Ma io non sono responsabile del peccato degli altri, ma dei miei. Del resto, lo stesso Gesù ha detto: a chi è stato dato e affidato molto… sarà chiesto molto.

E quindi, nessuno può pensare di non avere bisogno di conversione… di salvezza… di Gesù!

Tanto è vero che ogni nostra celebrazione della messa inizia proprio con un atto penitenziale, come a dire: io ho sempre bisogno di conversione… ho bisogno di stare con il Signore.

Insomma, stando così le cose, ogni avvicinamento al Signore… alla Chiesa… anche ai più peccatori… può essere un’occasione di conversione… e quindi di salvezza!

Ogni uomo ha diritto ad infinite opportunità di conversione… di salvezza.
Ogni uomo! Non giudicare, semmai… sii tu una di queste opportunità!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 2 Luglio 2021
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 2 Luglio 2021