Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 18 Marzo 2020

2

Mi conforta questo vangelo… il nostro Gesù è il Gesù del compimento… della pienezza… del massimo.

E mi conforta non solo perché Lui è il massimo… e neanche perché Lui da noi vuole il massimo… ma perché Lui è venuto per farci raggiungere il massimo!

Non so se mi spiego…
Se Gesù Cristo non abolisce ma anzi riesce a portare a compimento (al massimo, appunto) una legge antica… cosa riuscirà a fare con noi? Come non riuscirà a fare uscire da noi il meglio che abbiamo dentro?

Perché di fatto è così… noi non siamo da buttare… dentro ognuno di noi ci sono tesori… ci sono perle… ci sono regali… ci sono doni… c’è una bellezza meravigliosa che spesso è proprio nascosta… oscurata… offuscata da noi stessi… dalle nostre distrazioni e superficialità e anche dal nostro peccato.

Ma nulla può toglierci questa bellezza interiore… Nulla. Né il peccato… né il male… è neanche un virus… noi siamo fatti per il massimo!

Il vero peccato… la vera sconfitta… la vera trasgressione (per dirla con le parole del vangelo di oggi!) è credere che non è così!

Gesù vuole portarci a compimento… in pienezza… lasciamolo agire e vedremo cose grandi nella nostra vita e nella vita di chi ci sta accanto!

Fonte

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


Articolo precedentedon Marco Scandelli – Commento al Vangelo di oggi – 18 Marzo 2020 – Mt 5, 17-19
Articolo successivodon Mario Trulio – Commento al Vangelo di domenica 22 Marzo 2020