Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2022

110

- Pubblicità -

Solo due cose oggi voglio sottolineare.

La prima cosa è che ci sono tagli da fare nella nostra vita per crescere… per migliorare… per essere coerenti con la nostra scelta di fede… con il nostro essere e professarci cristiani. 

Non tutto serve e anzi, alcune cose sono proprio dannose… insane… incoerenti… solo che fanno parte di noi… del nostro stile di vita… della nostra storia… delle nostre abitudini. Ma nonostante tutto… vanno tagliate… eliminate… e questo costa fatica… dolore… sacrificio.

Del resto… tutte le cose importanti della vita… tutte le cose belle, alla fine, costano fatica, impegno, disciplina e sacrificio!

Insomma, non si può essere cristiani con frammenti di incoerenza nella nostra vita. Ci sono cose incompatibili che vanno eliminate. E ognuno di noi sa…

E siccome i tagli sono dolorosi e faticosi… Gesù ci indica la strada: crescere nella relazione con Lui. 

La preghiera… la meditazione… l’ascolto della sua Parola… i sacramenti, insomma, tutto ciò che ci fa crescere nella relazione con Lui, non solo ci aiuta a capire cosa tagliare… ma ci dà anche la forza per farlo. Da soli, infatti, certi tagli non saremmo mai capaci di farli!

- Pubblicità -

Ciò che non è per la tua salvezza va eliminato e se non ci riesci da solo, chiedi aiuto!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2022
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2022