Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 14 Marzo 2020 – Lc 15, 1-3. 11-32

4

Famosissima parabola… letta e meditata più volte…
Oggi mi sono soffermato su una considerazione: lontano da casa ci facciamo male…

Sì… penso che si possa definire così la mia meditazione… lontano da casa… dalle relazioni sane… dalle belle amicizie… rischiamo di cedere alla tentazione del pensiero di onnipotenza!

Le relazioni sane ci nutrono… ci contengono… ci fanno crescere… ci correggono… ci limitano… ci aiutano e sono la nostra forza nelle difficoltà!

E questo vale per ogni tipo di relazione purchè autentica: nelle vere amicizie… nei veri rapporti… ci si sente a casa, custoditi… riscaldati… protetti… e, quindi, più forti!

La casa, quindi, non è solamente un luogo… ma è la relazione stessa, infatti,
quando ci si allontana da casa… si è soli e quando si è soli e non si ha contraddittorio, si rischia di sbagliare e di farsi del male e anche di fare del male…

Ritornando alla nostra parabola… né il fratello minore… né quello maggiore erano “dentro” casa… perché hanno vissuto, entrambi, fuori dalla relazione col padre e tra di loro…

Insomma… il vangelo di oggi ci ribadisce l’importanza dell’essere e dello stare in relazione… perché insieme si cammina meglio… insieme si è più forti… e se questa relazione, poi è direttamente con Dio Padre… non solo si è più forti… ma sicuramente invincibili… perché solo Dio può assicurarci la salvezza… la vita eterna.

Fonte

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno