Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 14 Febbraio 2020

369

Questo vangelo mi mette una gran forza… entusiasmo e anche un sano orgoglio cristiano.
Proprio così… Dio ha bisogno di me… di noi.
Non siamo nati per caso… né per caso siamo cristiani.
Noi abbiamo una missione.
Ci sono cose che possiamo fare solo noi. Ci sono cose che Dio ha pensato di far fare a noi.
Ci sono persone da amare… da perdonare… da consolare… da far crescere… da correggere… da mettere nella verità… da evangelizzare…

Non è facile oggi!
Le parole di Gesù sembrano molto attuali… molto spesso, infatti, ci troviamo a dovere affrontare delle serie difficoltà nella nostra missione, difficoltà che diventano anche possibilità di dare testimonianza. E quale strategia ci viene consigliata per affrontare e superare queste difficoltà? Semplicemente continuare a fare il nostro dovere fidandoci di chi ci manda.

Se quello che vivi lo vivi come una missione… ciò che fai sarà Suo… e allora alle difficoltà ci penserà Lui!

E se ancora non hai capito qual è la tua missione… semplicemente porta la pace ovunque ti trovi… condividi quello che hai… fai tue le sofferenze degli altri… avrai, così, portato in terra frammenti di cielo!

Fonte


La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 10, 1-9

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.

Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.

In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.

Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».

Parola del Signore