Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 13 Ottobre 2021

56

Un pranzo imbarazzante. L’ospite Gesù viene mortificato dalla meraviglia del padrone di casa per non avere fatto le abluzioni… ma lo stesso ospite non si fa mancare l’occasione per ricavarne un insegnamento… per richiamare il padrone di casa ad una più autentica coerenza. Già, pranzo davvero imbarazzante!

È la coerenza il tema del vangelo di oggi… ma anche lo spirito di sacrificio, quello necessario per essere coerenti… per portare avanti gli impegni presi… gli impegni del proprio stile di vita.

Non basta fare le cose… occorre che ci sia accordo… corrispondenza tra quello che si fa, le motivazioni perché e per chi si fanno e il come si fanno.

Si può andare a messa… si può stare anche con il proprio marito e la propria moglie… si possono anche avere i figli… ma ciò che veramente conta è come si vivono questi momenti… se si vivono profondamente… veramente… con coerenza!

Tante cose, infatti, si fanno o perché si devono fare… o perché gli altri ci guardano… ma il risultato non è lo stesso. err

Tutte le cose che fai per farti vedere dagli altri lasciano il tempo che trovano.

La fede è una cosa seria, richiede impegno e sacrificio per vivere ciò che si professa con la bocca!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 12 Ottobre 2021
Articolo successivodon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 12 Ottobre 2021