Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 13 Gennaio 2022

40

C’è qualcosa che non va in questa pagina del vangelo. Non è la semplice descrizione di una guarigione… di un miracolo.
Dietro e dentro questa pagina si nasconde una grande insegnamento.

Se al lebbroso fosse interessata la relazione con Gesù, il cammino di fede, la conversione, la salvezza… allora avrebbe obbedito alle indicazioni dategli dopo la guarigione. A lui, purtroppo, interessava solo la guarigione fisica.

In realtà, il lebbroso, anzi l’ex lebbroso, aveva solo fatto il primo passo… e invece si è sentito così arrivato che ha fatto di testa sua!

Spesso ci rivolgiamo al Signore per bisogno e non per desiderio… andiamo da lui non per la relazione con lui ma per ottenere qualcosa di specifico, di immediato, dimenticando che quello che ci serve, che ci aiuta, che ci salva è il cammino di fede… cammino fatto di tanti piccoli o grandi passi… uno dopo l’altro, ma sempre passi dietro di Lui e mai fuori dal suo percorso.

L’ascolto del vangelo di oggi dovrebbe provocarci alcune domande fondamentali: perché seguiamo il Signore? cosa vogliamo veramente da Lui?

Possiamo essere avanti nel cammino… conoscere tante cose… essere esperti e grandi frequentatori di messe, sacramenti, preghiere e catechesi… ma se ci sentiamo arrivati, allora, non solo non abbiamo capito nulla, ma rischiamo di non avere ancora fatto neanche il primo passo.

Inizierai a guarire quando continuerai a camminare dietro di Lui. Chi ama veramente non si ferma mai!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentela Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 13 Gennaio 2022
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 13 Gennaio 2022