Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2020

51

La pace… forse è il dono più grande che Dio in Cristo ci è venuto a portare.
La pace… quella vera… quella che parte da dentro al cuore.

La pace… quella che non ti fa desiderare nulla… quella che ti riempie… quella che ti fa dire sono in pace perché ho tutto… quella che non ti fa vivere gelosie… invidie… competizioni… che spesso sono alla base dei conflitti.

La pace… quella diversa da quella che ci dà il mondo… che è sempre precaria… sempre passeggera… sempre in provvisorio equilibrio perché dipende da altri… dalle relazioni… da noi stessi… dalle nostre ferite.

Proprio così!

La pace che dà il mondo è una tregua tra un conflitto e un altro… fragile come sono fragili le relazioni…
La pace che dà il mondo è in bilico tra le aspettative e la realtà… tra le illusioni e le delusioni… tra i bisogni e i desideri…

La pace che Dio ci dà in Cristo è profonda… è la certezza di avere tutto… di non avere bisogno di nulla… e che nulla può togliere… privare… eliminare… turbare… quella pace che è la presenza di Dio dentro al cuore!

Ma è anche vero che si tratta di un cammino… perché questa pace va coltivata… va costruita… va difesa… va alimentata… perché dipende dal rapporto con Gesù, che va coltivato… va costruito… va difeso… va alimentato…

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso
FONTE:
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 12 Maggio 2020 – Padre Antonio Salinaro
Articolo successivop. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2020