Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 12 Aprile 2021

85

Una parte la fa Dio… una parte tocca a noi. Solitamente e ordinariamente “funziona” così e gli “antichi” riuscirono a sintetizzare questo misterioso intrecciarsi tra la grazia di Dio e la volontà umana con il detto: aiutati ché Dio ti aiuta. Insomma: Dio ti aiuta, adesso tocca a te.
Sì, perché il grande “difetto” di Dio è che ci ama e ci ama talmente tanto da lasciarci liberi… così liberi… da potere anche rifiutare il suo amore… da rifiutare il suo aiuto.
Una vera relazione d’amore, infatti, è libera e reciproca… quando non è libera è costrizione e quando non è reciproca è un’altra cosa… magari anche bella… ma non è vero amore.
Ecco… in questa pagina del vangelo mi piace pensare che Gesù voglia fare capire a Nicodemo proprio questo messaggio: “io ho fatto la mia parte, adesso, se vuoi, c’è qualcosa che devi fare tu. Ti ho fatto nascere… adesso tu devi rinascere. Adesso devi prendere la tua vita in mano e fare meraviglie per te e per gli altri. E per fare questo ti do tutti gli strumenti… ma io non posso farlo al posto tuo”.
La chiesa, i sacramenti, la Parola, la fraternità… e tutti gli altri mezzi soprannaturali che Dio ci dà ci servono proprio per questo… per guidarci, per nutrirci, per risollevarci, per fare meraviglie con la nostra vita… per noi… per gli altri.
Siamo fatti per il cielo, creati da Dio per fare cosa da Dio.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 12 Aprile 2021
Articolo successivoMartín Luque – Commento al Vangelo del 12 Aprile 2021