Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 10 Marzo 2020 – Mt 23, 1-12

3

Ancora una pagina del vangelo molto densa… molto piena di spunti di riflessione e di meditazione…

Ma è anche una pagina del vangelo facilmente sintetizzabile: umiltà… amore… servizio.
Non c’è fede se non ci sono questi tre elementi…

Proprio così… senza umiltà la fede diventa apparenza…
Senza amore la fede è vuota…
Senza servizio la fede è solo teoria!

Occorre decentrarsi… uscire fuori da sé… dai propri schemi… dalle proprie convinzioni!

Occorre seguire Gesù… solo Lui… la sua Parola… i suoi insegnamenti… la Chiesa… tutto questo è garanzia…
Se non fosse così ci si fiderebbe solo della propria intelligenza e delle proprie capacità… se non fosse così non ci sarebbe un principio di salvezza fuori dall’uomo ma sarebbe l’uomo ad autosalvarsi

Ecco il grande peccato… fidarsi solo di quello che passa dalla propria testa… chi è così è sempre pronto a giudicare… criticare… e lamentarsi degli altri…
Chi è così… purtroppo non ha scampo… vive per se stesso… vive volendo sopraffare… alla fine che fa così… non vive… ma sopravvive!

Lasciamoci guidare… prendere cura… accompagnare da Cristo: questa è garanzia sicura!

Fonte

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 10 Marzo 2020 – Mt 23, 1-12
Articolo successivoPreghiera di Bruno Forte