Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 10 Gennaio 2020

513

Questo vangelo rappresenta una vera e propria presentazione di Gesù.
Come dire… Gesù si presenta al mondo così… si presenta così a noi.
E queste parole… questa missione… questo programma di vita deve diventare anche il nostro se vogliamo essere suoi discepoli.

Anche noi quindi siamo chiamati a misurarci e confrontarci con questa missione…

Perché alla fine Gesù è venuto per noi…

poveri, quando non abbiamo punti di riferimento…
prigionieri, perché schiavi delle nostre dipendenze… fissazioni… dei nostri schemi…
ciechi, quando non riusciamo a riconoscerlo nella nostra vita…
oppressi, quando non sappiamo affrontare le difficoltà e ci facciamo schiacciare da esse…

ma nello stesso tempo anche noi siamo chiamati a intessere relazioni liberanti… a prenderci carico del dolore degli altri… ad aiutarli a vedere il bello nella loro vita… a condividere con loro le fatiche…

proprio così… la fede ci insegna a vivere e chi vive veramente diventa trascinante e contagioso per altri…

siamo chiamati a testimoniare questa bellezza dell’avere incontrato il nostro liberatore… e liberati aiutiamo gli altri a vivere meglio…

siamo discepoli di Gesù… e chi ci incontra deve andarsene da noi più leggero… più sollevato… più felice… più amato!

Fonte


Oggi si è compiuta questa Scrittura.
Dal Vangelo secondo Luca Lc 4, 14-22a In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode. Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto: «Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione, e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; a rimettere in libertà gli oppressi e proclamare l’anno di grazia del Signore». Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato». Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca. Parola del Signore