Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 10 Aprile 2022

72

- Pubblicità -

La passione del Signore è sempre qualcosa di particolarmente forte e di fronte a questa pagina di storia della salvezza non possiamo rimanere indifferenti.
Questa pagina è uno specchio… una verifica di tutta la nostra vita.
Dall’ascolto e dalla meditazione di questa pagina impariamo a vivere.

Siamo al culmine della missione di Gesù. C’è una Parola che si sta compiendo nella sua vita. E nello stesso identico modo… c’è anche una Parola che si deve compiere nella tua vita. Non sei nato per caso. Anche tu hai una missione!

E questa tua missione non sarà semplice… vivere compiendo la propria missione è bello… rende felici… utile per gli altri… dona la salvezza… ma non è una passeggiata. Si tratterà di una vita comunque impegnativa… lo sappiamo: tutte le cose belle sono impegnative. Si tratta di una vita di sacrificio… dove però l’accento nel sacrificio non deve essere posto sulla sofferenza ma sul sacro: sacrificio, infatti, significa letteralmente “fare qualcosa di sacro”. Ecco… nella tua vita sei chiamato a fare qualcosa di importante… di sacro… di divino: il tuo matrimonio, il tuo lavoro, il tuo studio… le tue relazioni… il tuo impegno quotidiano… siano abitati da questa sacralità!

E per compiere questi misteriosi e magnifici atti: occorre perseverare… persistere… mantenere a lungo la propria convinzione… non perdere il senso di quello che si fa.

Certo… questa pagina ce lo ricorda, ci saranno tentazioni… inganni… tradimenti anche dei più intimi. Ma non Dio non ci farà mancare le sue carezze… le sue consolazioni. E se è vero quello che diceva il nostro beato Padre Pino Puglisi, che “Dio ci ama sempre tramite qualcuno”… non ci farà mancare la sua consolazione attraverso persone che saranno come angeli che ci verranno a confortare… ad asciugare le nostre lacrime… cirenei che verranno a sollevarci dalle fatiche.

La bellezza di questa pagina sta anche nel vedere come nonostante la sofferenza… Gesù non smette di amare… di accogliere… di perdonare… di fidarsi di Dio… fino alla fine…

Se scegli Dio come Padre, non permetterai alla sofferenza di rubarti il cuore… e continuerai ad amare!

- Pubblicità -

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 10 Aprile 2022
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 10 Aprile 2022