Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 10 Aprile 2020

153

La croce è stata la sua missione. Su questo vorrei soffermarmi un po’.

La missione di Gesù è la nostra salvezza, e per raggiungere questa missione ha dovuto affrontare la croce.
Noi siamo credenti… e come credenti siamo discepoli di Gesù… anche noi abbiamo una missione e questa missione è diversa per ciascuno di noi.
Ognuno ha la sua… o anche le sue… sì, perché le missioni, spesso, sono più di una…
Il lavoro è una missione… il matrimonio… i figli… ma anche vivere cristianamente una certa relazione può essere considerata una missione… oppure correggere qualcuno può essere considerata una missione… o evangelizzare una persona… cercare di farla avvicinare a Gesù… oppure testimoniare la propria fede nel proprio ambiente di lavoro… o nelle proprie amicizie può essere considerata una missione.
Insomma… tutto ciò che comporta vivere la propria fede nel proprio ambiente può essere considerata una propria missione.
E come quella di Gesù… anche queste missioni possono comportare delle croci… delle sofferenze… delle passioni!
Allora, forse, alla luce di quello che abbiamo detto fino ad ora… e alla luce del vangelo di oggi, possiamo considerare la croce non semplicemente come la sofferenza fine a se stessa… ma come quella sofferenza che deriva come conseguenza del vivere cristianamente una situazione.
Cerco di fare degli esempi per cercare di essere chiaro.
Mia moglie si ammala: la mia croce non è la malattia di mia moglie, ma tutte quelle difficoltà, sacrifici e sofferenze che devo affrontare per vivere da cristiano il mio matrimonio.
Mi litigo con un mio collega al lavoro, ho due possibilità: ignorarlo e continuare a lavorare pensando solo ai miei interessi, oppure vivere con fede questa situazione e quindi essere paziente, cercare di conciliarmi, non rispondere al male col male… sforzarmi il più possibile per dare altre possibilità… chiedere scusa… e tutto questo comporta, ovviamente, impegno, fatica, sacrificio, sofferenza… ecco: la mia missione è vivere cristianamente la mia relazione col mio collega e questa relazione comporta delle sofferenze e dei sacrifici, queste sono le mie croci!

Insomma… ogni missione comporta una croce… ma tu non avere paura delle croci perché, non solo fanno parte della missione e della vita… ma, per quanto possano sembrare grandi, affrontate… attraversate e vissute… ti daranno e ti porteranno alla salvezza! Questo mi insegna il vangelo di oggi: la missione… la croce… la salvezza!

Fonte

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno