Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 1 Giugno 2020

235

E’ una scena di una forza simbolica molto grande…
Un uomo che sta morendo pensa non solo a sua madre… ma a noi tutti… consegnandoci nelle braccia della madre… non ci lascia soli… ci fa consolare dalla madre e chiede a noi di consolare lei…

Una donna vede morire suo figlio… il Figlio di Dio… ma non si chiude nel suo dolore mortale… ma si apre… e continua ad amare… e concentra il suo amore verso il discepolo amato… verso noi tutti discepoli amati da Gesù…

Attenzione… quella di Maria non è una sostituzione… nessun amore può sostituire quello di una madre verso un figlio che non c’è più… no! Non è una sostituzione… quello di Maria è continuare ad amare nonostante la micidiale sofferenza della perdita di un figlio…

La memoria di oggi ci ricorda questo:

la sofferenza non impedisce a Gesù a pensare a noi…
la sofferenza non impedisce a Maria e continuare ad amare…

madre e Figlio continuano ad amare nella sofferenza…
è questa la strada da percorrere anche per noi…

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso
FONTE:
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER

Image by blenderfan from Pixabay