don Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 6 Febbraio 2019

209

SCENDIAMO CON CRISTO A NAZARET PER IMPARARE LA LIBERTA’ CHE CI APRE ALLA FEDE

Link al video

In virtù della Grazia battesimale che si rende visibile nella fede adulta, un cristiano è un profeta. Ma per compiere la sua missione deve imparare che sarà disprezzato nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua. Per giungere alla libertà senza la quale non si può annunciare e testimoniare la Verità, occorre seguire Gesù nel passaggio doloroso sin dentro le radici della nostra carne, perché è lì che il demonio ci obbliga a guardare gli eventi e le persone provocando lo scandalo. Gesù è vissuto a Nazaret per trent’anni come ogni altro suo abitante, senza compiere alcun miracolo che lo rivelasse come Messia. Poi, un bel giorno, eccolo arrivare in sinagoga, di sabato, con la fama del profeta e taumaturgo e mettersi a insegnare.

Per un cuore superbo perché schiavo dei propri criteri, questo non può che suscitare lo scandalo che fa inciampare sull’evidenza inaccettabile e impedisce di credere. Come accade nelle nostre famiglie e nelle nostre comunità, dove Gesù cammina accanto a noi ma, non compiendo nei tempi e nei modi i miracoli che ci aspettiamo, finiamo con il chiuderlo nei riti e nelle preghiere che viviamo meccanicamente, di fatto aspettando e cercando un altro salvatore. E quando, in una situazione difficile o di peccato, attraverso la Chiesa il Signore ci chiama a conversione, ci scandalizziamo perché non era quello il modo e il momento in cui ci aspettavamo di dover incontrare il Messia. Non possiamo credere alla Parola perché la carne disprezza l’insegnamento di Gesù.

Siamo infatti imprigionati nell’orgoglio che ci schiaccia su quello che abbiamo già visto e crediamo di conoscere: il marito con cui sono sposata da “trent’anni” non può cambiare; nel figlio che ho “allevato” vedo solo la ribellione, mi è impossibile credere che in lui si celi il mistero dell’opera di Dio. Ci scandalizziamo, inciampiamo sulla buccia degli eventi e delle persone, e per questo frustriamo la volontà di Dio. Questo è il peccato, il fallimento del progetto d’amore nel quale siamo stati creati. Lo dobbiamo scoprire in noi, perché sarà lo scandalo che la nostra vita nuova in Cristo genererà negli altri, offrendoci così la possibilità di assumerlo e convertirlo in amore e misericordia. Per questo Gesù dice che “dobbiamo rinascere dall’alto”, entrare in un nuovo seno, che è quello della Chiesa, il fonte battesimale – ovvero ascoltare la Parola lasciandoci illuminare e accostarci ai sacramenti – da dove rinasce l’uomo nuovo, libero come il vento.

Nella comunità cristiana, infatti, possiamo sperimentare la Nazaret trasfigurata dalla presenza di Cristo: essa è fatta di uomini e donne la cui carne è, a poco a poco, redenta dalla carne gloriosa di Cristo. E’ il passaggio dallo scandalo alla fede in Dio che si fa carne, che ha parenti e amici, che lavora a bottega, per salvare dalla corruzione ogni millimetro di umano. Per questo nella comunione della Chiesa possiamo gustare la meraviglia dell’umanità redenta che diviene tempio dello Spirito Santo; mossi da Lui potremo perdonare e amare nella libertà, dando vita a relazioni nuove, anticipo del Cielo, che è la nostra vera Patria da annunciare profeticamente al mondo che l’ha smarrita e la cerca disperatamente nella carne.

[box type=”info” align=”” class=”” width=””]Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.[/box]

Mc 6, 1-6
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù venne nella sua patria e i suoi discepoli lo seguirono.
Giunto il sabato, si mise a insegnare nella sinagoga. E molti, ascoltando, rimanevano stupiti e dicevano: «Da dove gli vengono queste cose? E che sapienza è quella che gli è stata data? E i prodigi come quelli compiuti dalle sue mani? Non è costui il falegname, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle, non stanno qui da noi?». Ed era per loro motivo di scandalo.
Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua». E lì non poteva compiere nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi malati e li guarì. E si meravigliava della loro incredulità.
Gesù percorreva i villaggi d’intorno, insegnando.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.