don Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 23 Giugno 2020

318

NULLA ANTEPORRE A CRISTO PER DIFENDERE LA PRIMOGENITURA CHE CI FA TESTIMONI AUTENTICI DEL SUO REGNO NEL MONDO

Link al video

La primogenitura è una cosa molto seria. Siamo stati eletti da prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati nell’amore al cospetto di Dio e degli uomini. I doni di Grazia ricevuti durante tutta la nostra vita sono i segni di una chiamata speciale, ed essa non è un fatto esclusivamente personale. Dio ha pensato per noi una missione importante, molti uomini sono legati alla nostra vita. Ma il rischio di disprezzare la primogenitura è molto serio: gettare le cose sante ai cani e le nostre perle ai porci significa proprio non dare valore all’opera di Dio nella nostra vita. Significa entrare nella storia di ogni giorno per la porta spaziosa e larga del compromesso, dell’annacquamento della fede per lasciar spazio alla carne e ai suoi desideri, quelli che muovono guerra allo Spirito: disprezzare come Esaù la primogenitura per un piatto di lenticchie, per rispondere, infantilmente, ai capricci della carne.

E non si tratta solo della sessualità; le lenticchie fumanti dinanzi ai nostri occhi sono i criteri mondani circa il denaro, il lavoro, i beni, la salute, la famiglia, l’amicizia, la politica. Ogni giorno possiamo dare ai cani, che è l’epiteto duro con il quale Israele chiamava i pagani, le cose sante, le cose della nostra vita “separate”, “messe da parte” dal mondo perché siano segno dell’altro mondo; il Signore oggi ci ricorda l’altissima vocazione nella quale ci ha riscattati e per la quale ci ha introdotto nella Chiesa. Ci ha santificato, comprato al caro prezzo del suo sangue, ed ogni cosa, ogni momento e ambito della nostra vita è una “perla” che anticipa il Cielo.

Il matrimonio e la famiglia, l’amicizia e il fidanzamento, la scuola e il lavoro, tutto di noi costituisce come un filo di perle che il suo amore e la sua Grazia ci fa indossare perché chi ci è accanto possa vedere Lui e il destino eterno a cui è chiamato. Siamo nel mondo ma non siamo del mondo: per questo il combattimento che ci attende ogni mattina è serio, e ci chiama a non scendere dalla Croce che ci unisce a Cristo, a scegliere la porta stretta e la via angusta che ci fa donare la vita per amore. Il Signore oggi ci chiama a rimanere nel suo amore che ci santifica, che ci purifica, che fa della nostra vita una liturgia di santità per il mondo. I porci erano gli animali immondi, che si rotolano nel loro vomito. Toccarli e mangiarli rendeva immondi, incapaci a celebrare il culto di Israele che era segno della presenza e della vita di Dio.

Gettare le perle ai porci significa dunque buttar via l’intimità con Dio, uscire dalla comunione del Popolo Santo, disprezzare la primogenitura e la missione speciale alla quale Israele è chiamato. E’ il pericolo che incombe anche su di noi, dimenticare la nostra identità per mondanizzarci: il risultato sarà sempre quello di chiuderci nel nostro egoismo e voltare le spalle ai fratelli. Il Signore ha fatto a noi quello che avrebbe voluto fosse fatto a Lui: sulla Croce ci ha accolti e amati così come siamo. E’ questa la santità vera, il Cielo sulla terra, la presenza viva e autentica di Dio tra gli uomini.

La porta stretta del sacrificio e della sottomissione, dell’obbedienza e del perdono, la via angusta dell’amore che la Chiesa e i cristiani sono chiamati a percorrere per attirare e condurre ogni uomo alla Vita vera, eterna, salvata. 


AUTORE: don Antonello Iapicca
FONTE: Newsletter
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

TELEGRAM
INSTAGRAM

TWITTER