don Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 22 Febbraio 2021

49

SULLA CATTEDRA DELLA CROCE PIETRO CI CONFERMA NELLA FEDE CHE VINCE IL MONDO

Link al video

AUTORE: don Antonello Iapicca FONTE: Newsletter SITO WEB CANALE YOUTUBE

“Dove c’è Pietro, lì c’è la Chiesa; dove c’è la Chiesa, lì non c’è affatto morte ma vita eterna” (S. Ambrogio). Pietro e la Chiesa sono sulla soglia del desiderio più profondo di ogni uomo che freme insopprimibile in ogni parola, pensiero, o gesto: la vita e mai più nessuna morte. Quante volte ci troviamo delusi e frustrati, proprio come cantava Leopardi: “Questo è quel mondo? questi i diletti, l’amor, l’opre, gli eventi onde cotanto ragionammo insieme? questa la sorte dell’umane genti? All’apparir del vero tu, misera, cadesti: e con la mano la fredda morte ed una tomba ignuda mostravi di lontano” (A Silvia).

La vita infatti è come il cammino dei due discepoli di Emmaus, che avevano sperato la liberazione da Gesù di Nazaret, profeta potente in parole ed opere, e che invece era anche Lui chiuso in una “tomba ignuda”; anche Lui “all’apparir del vero” era caduto “misero” e solo. Ed erano passati tre giorni ormai. Come sperimentiamo di fronte a certi eventi, alcuni molto dolorosi, di delusioni e sconfitte come “ignude tombe” dove abbiamo visto scendere il Signore portandosi via la speranza. Mentre Pietro, scelto per essere pietra su cui Gesù avrebbe dovuto edificare la sua Chiesa, si stava sbriciolando come le lacrime di pentimento e tristezza che gli ferivano la carne. Tre giorni là dentro, un’eternità di silenzio. Ma all’imbrunire di un altro giorno di paura, la sera del primo giorno dopo il sabato, mentre i chiavistelli della vita erano ben serrati, all’improvviso nel Cenacolo della comunità cristiana è apparso un volto incandescente di luce, mentre una voce inconfondibile augurava la Pace che trapassava i muri e i cuori.

La sua voce, il suo volto, le sue piaghe: era Lui, il Signore! La prova inconfutabile risplendeva nei segni del suo amore inchiodato al Legno: Gesù era morto, lo avevano visto, e ora era lì vivo, tornato dall’ignuda tomba, e lo stavano contemplando mentre mangiava con loro. In quel Cenacolo era esplosa la vita sperata da ogni uomo, di ogni tempo, e luogo, e cultura. La discesa dello Spirito Santo nei cuori degli Apostoli avrebbe poi sigillato la certezza che la morte non faceva più paura, il suo pungiglione, il peccato non c’era più, era rimasto inchiodato sulla Croce. In mezzo a quel manipolo che era scappato terrorizzato, che aveva tradito, era disceso come rugiada il perdono. E tra tutti Pietro, il primo ad essere perdonato. Il primato del perdono lo rendeva finalmente pietra nella fede granitica che Pietro aveva ricevuto come un dono rivelato dal Padre che è nei cieli, maturata poi sino alla statura adulta in un cammino di conversione dove ha conosciuto l’abisso del suo cuore e l’amore di Dio che vi si è gettato dentro nella carne del Figlio.

Gesù lo aveva scelto sapendo quello che avrebbe fatto – glielo aveva profetizzato – perché la chiamata conteneva già il perdono con cui lo avrebbe tirato fuori dalla morte conseguente al suo tradimento. Per confermare nella fede la Chiesa attraverso i secoli, Pietro, il primo Papa, ha sperimentato cioè il perdono che né carne e né sangue possono rivelare perché gratuito e immeritato farsi però carne e sangue in lui nell’abbraccio con cui Cristo lo ha unito a sé trasformandolo così in un maestro della fede per il Popolo di Dio. Perdonato e ricolmo di Spirito Santo, Pietro aveva aperto gli occhi della fede in quelli di ogni Papa, per riconoscere Dio onnipotente in un povero Rabbì di Nazaret appeso a una croce, e, con il martirio, testimoniarlo risorto dalla morte come il Signore. Così Pietro può confermare nella fede i suoi fratelli, insegnando loro a discernere nella precarietà della carne la presenza amorevole di Cristo accompagnandoli a sperimentare nella Chiesa il perdono più forte del peccato e della morte.

Questa è la fede della Chiesa, la risposta ad ogni desiderio e speranza, sulla strada di Emmaus e su quelle d’ogni uomo, all’apparire d’ogni “vero” e in tutte le “ignude tombe”. Per questo la Cattedra di Pietro è la cattedra crocifissa del Signore dalla quale si insegna la misericordia che, come un grembo, genera nei cristiani l’amore autentico che giunge sino all’offerta della propria vita per i nemici.