Davide Moreno – Commento al Vangelo del 4 Aprile 2020

165

Miei cari fratelli e sorelle, tutto è deciso! La situazione è irreversibile. Il motivo? di fronte a un segno che rida la vita ed in molti genera la fede, in altri invece origina la paura. Si miei cari, quella paura che chiude le porte alla luce e rifiuta il vero segno, quel segno della salvezza che il Cristo è venuto ad annunciare.

Fratelli carissimi, Lui non ha altra scelta per poter portare a compimento la volontà del Padre se non quella di un’obbedienza totale e filiale al disegno salvifico che ha pensato per il mondo. Quello di sedersi sul trono della croce. Questo è il segno con il quale Gesù entra nei nostri cuori lacerati dalla paura, questo è il segno che porta la vittoria dell’amore, questo è il segno del trionfo che malgrado avvenga mediante la follia della croce e il sacrificio dell’obbedienza, apre a tutti le porte alla gloria eterna. Quindi miei cari, il brano del Vangelo odierno ci interroga, ci chiama in causa in prima persona, per questo diventa necessario porci una domanda: quale frutto gli restituiremo degno di quanto Egli ci ha donato? Partiamo con il dire che non riusciremo mai a metterci in pari, ma possiamo iniziare approfittando proprio di questo tempo che stiamo vivendo, possiamo provare ad aiutarci a vicenda con l’impegno di condurre al bene tutti i deboli e gli smarriti, tutti coloro che sono in grave difficoltà, a tutti i fratelli che sono soli. Perciò procediamo correggendoci e ravvedendoci a vicenda, con questo modus operandi si aprirà la strada che condurrà tutti alla salvezza, tutti alla comunione e tutti ad una continua condivisione dell’amore.

Proviamo anche se virtualmente a riunirci tutti insieme. Noi tutti, siamo legati dagli stessi sentimenti, siamo fratelli nella fede e questo ci fa accettare e condividere anche la lotta della croce quotidiana, la lotta a questa pandemia che stiamo combattendo con la preghiera, una lotta in cui non siamo soli, infatti abbiamo la certezza di poter contare sulla grazia e la misericordia di Dio. Una lotta cari fratelli, che vinceremo e sarà la vittoria definitiva dell’amore, la vittoria che dirà al mondo intero che i nostri cuori non sono mai stati affranti, mai disperati, perché sempre abitati da quell’amore di Dio che porta solo gioia, speranza e amore.

Coraggio fratelli e sorelle, #andratuttobene !

Buona giornata nel Signore!


Fonte: il sito Vivere da Risorti