Davide Moreno – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2020

128

Miei cari fratelli e sorelle, siete d’accordo con me che la solidità del rapporto con Dio emerge nell’ora della prova? Penso che sia proprio che sia in quel momento in cui ci si trova soli davanti a Dio e i sostegni umani e le grandi illusioni che ci siamo costruiti improvvisamente si dileguano. Vedete fratelli carissimi, questo è il momento che svela dove è davvero appoggiato il nostro cuore: se sulle nostre sicurezze oppure sulla parola del Signore, sul totale abbandono in Lui.

Penso che la fede si purifichi nelle prove e nella solitudine. Ma la solitudine è terribile e non possiamo superarla con le nostre forze, dobbiamo chiedere a Colui che per primo l’ha vissuta. Infatti quando il Padre si è reso introvabile, ha sperimentato l’abbandono. Chiediamo stamani al Signore di venirci in aiuto quando attraversiamo i nostri deserti.

Di non abbandonarci quando ci sentiamo abbandonati dagli altri. Di rendere feconda di vita, la nostra sensazione d’inutilità e di abbandono. Ma soprattutto di riempire il nostro cuore con il Suo amore, affinché nei momenti terribili, nelle ore e nei giorni di vuoto, possiamo sentirlo e viverlo come il nostro dolce e amato Salvatore.

Buona giornata nel Signore.


Fonte: il sito Vivere da Risorti