Davide Moreno – Commento al Vangelo del 21 Marzo 2020 – Lc 18, 9-14

123

Miei cari fratelli e sorelle, sapevate che da come preghiamo si rivela il nostro modo di vivere e di metterci in rapporto con Dio e con gli altri? Se ci pensiamo bene a volte siamo tutti un po’ farisei, infatti mettiamo sempre in luce i nostri meriti, quasi da ritenerci creditori nei confronti di Dio, convincendoci addirittura di non aver bisogno di Lui, ma Lo ringraziamo per averci concesso di essere così perfetti e giusti.

Vedete cari fratelli, penso che questi sono i tipici atteggiamenti che evidenziano la superbia e ancora più grave mostrano quanto si può essere giudici spietati, capaci solo di concentrare esclusivamente su sé stessi un’eccessiva stima e ritenere gli altri meritevoli solo di sguardi di disprezzo. Ahimè questo modus operandi è molto diffuso nella nostra società e talvolta anche nelle nostre comunità.

A noi il compito di mantenere alta la speranza e la fiducia ed il brano del Vangelo stamani ci offre la possibilità di vivere la stessa esperienza del pubblicano della parabola, quella di farci maturare e giungere ad un’autentica umiltà, qualità esclusiva di chi riconosce che Dio ha un cuore più grande di quello dell’uomo ed è sempre pronto al perdono.

Fratelli carissimi, ecco che allora stamani comprendiamo come sia importante lasciar cadere le tante maschere con cui a volte cerchiamo di occultare prima a noi stessi e poi agli altri, la povertà del nostro essere, la miseria del nostro cuore e la durezza dei nostri giudizi.

Vedete, in questo tempo di prova e di discernimento, dobbiamo tenere ben presente che la condizione per essere guariti è quella di riconoscersi malati e bisognosi di salvezza.

Coraggio fratelli e sorelle, #andratuttobene !

Buona giornata nel Signore!


Fonte: il sito Vivere da Risorti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.