d. Giampaolo Centofanti – Commento al Vangelo del 9 Maggio 2020

107

Prima di Gesù si poteva più facilmente far dire a Dio quello che si voleva. Ora benché la verità sia piena di sfumature e non meccanica abbiamo riferimenti concreti per il nostro cammino: Cristo, la Chiesa, il padre spirituale, la comunità di crescita.

Tutte garanzie assolute di inerrabilità? Nella nostra comprensione di Cristo vi sono punti sicuri custoditi nella Chiesa e anche margini di crescita. Ma per esempio un veggente che disobbedisca alla Chiesa che gli dice di non divulgare la propria esperienza già sta su una via sbagliata.

E ciò anche se la Chiesa può aver dato un comando errato. Padre Pio obbedi sempre. Camminiamo in Cristo nella Chiesa e le opere di Dio nella nostra vita ci aiuteranno a credere. Chiedere nel nome di Gesù infatti significa cercare di seguirlo.

A cura di don Giampaolo Centofanti su il suo blog