d. Giampaolo Centofanti – Commento al Vangelo del 8 Novembre 2020

56

La lampada della Parola ci dona la grazia di entrare sempre più nella vita piena e dunque in un cammino graduale la prima cosa è attingere alla Parola e alle altre fonti, in essa, della grazia.

Ma se poi la grazia non si cerca di accoglierla nella vita concreta non si cammina sulle vie per le quali la nostra esistenza prenderebbe a fiorire. E questa scelta di aprirci alla vita nessuno può farla al posto nostro, né è una cosa che ci può venire data in mano.


Fonte

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 7 Novembre 2020
Articolo successivoMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 7 Novembre 2020