d. Giampaolo Centofanti – Commento al Vangelo del 7 Dicembre 2020

125

Io sono quel paralitico che ha bisogno della preghiera di chi condivide la fede con me per venire guarito. E spero di essere con l’aiuto di Dio uno di quei fratelli che nella grazia di Dio non si fermano davanti a nessun ostacolo per aiutare quel paralitico. Rimessi insieme in Cristo, nella sua sequela, la vita rinasce integralmente, non solo spiritualisticamente.


Fonte

Articolo precedenteFraternità Gesù Risorto – Commento al Vangelo del 8 Dicembre 2020
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 7 Dicembre 2020