d. Giampaolo Centofanti – Commento al Vangelo del 28 Novembre 2020

128

Serenità e attenzione. Gli estremi sono sempre due. Dio ci fa crescere nella pace senza che questa diventi la quiete di un morto. Attenti al sempre nuovo venire di Gesù, alle vie della crescita, al superamento di blocchi, ferite, strutturazioni fasulle, reazioni inadeguate. Ma ciò secondo la amorevole sapienza di Dio è non invece un perfezionismo meccanico.


Fonte

Articolo precedentedon Alfonso Giorgio – Commento al Vangelo del 29 Novembre 2020
Articolo successivoCommento al Vangelo del 28 Novembre 2020 – Don Francesco Cristofaro