d. Giampaolo Centofanti – Commento al Vangelo del 23 Novembre 2020

98

Che bello venire portati, cercare di vivere, nella sempre più profonda in noi luce del vero. Lontani dalle apparenze e dalle loro nevrosi. Piccoli e semplici nell’amore di Dio ed in Lui in quello, di cuore, per i fratelli.


Fonte

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 23 Novembre 2020 – Lc 21, 1-4
Articolo successivoPresentazione del nuovo Messale a cura di don Claudio Doglio