d. Giampaolo Centofanti – Commento al Vangelo del 19 Giugno 2020

11

Gli evangelisti concordano nel descrivere in questo episodio per certi aspetti la più grande esultanza di Gesù. Dio si rivela ai piccoli. Questo è il segreto di Gesù stesso in quanto uomo e di Maria: sono docile e piccolo di cuore, il Signore ha guardato alla piccolezza della sua serva. Piccolezza non nel senso di umiltà.

Maria non dice da sé stessa di essere umile. Piccolezza invece come creaturalità: è Dio che opera noi possiamo solo cercare di accogliere nella vita concreta la grazia che Egli ci dona gradualmente sempre più se lo accogliamo. Dunque non gesta da energumeno ma vivere con semplicità e buonsenso nella fede quello che Lui ci fa veramente maturare.

Non moralismi, sensi di colpa, forzature né inutili sbrachi. Su questa strada la nostra umanità rinasce sempre più leggera, scoprendo quante ansie, complicazioni, ci possiamo creare da soli. Lo Spirito di Gesù viene a liberare, a portare nella gioia, nell’amore e nella pace i piccoli. Siamo in un tempo di grazia.

La Chiesa viene più diffusamente liberata da possibili moralismi e veniamo portati nel mistero di Dio, dell’uomo, del mondo non in un cammino reso da astrazioni varie cerebrale e meccanico ma invece semplice e umano. Qui è allora la chiave di ogni cosa, dalla vita, alla pastorale, alla cultura. Un piccolo può allora più chiaramente contribuire a rinnovare tutta la cultura con la sua stessa vita.


A cura di don Giampaolo Centofanti nel suo blog.

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 21 Giugno 2020 – p. Alessandro Cortesi op
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 19 Giugno 2020 – Mt 11, 25-30