d. Giampaolo Centofanti – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2020

44

Il mondo ama ciò che è suo alla sua maniera, per interesse, per un do ut des, fino a che le cose aggradano… Sono tristi inganni a cui ci si vuole attaccare ma che facilmente poi possono causare amare delusioni.

Quando anche un ateo ama davvero è sotto l’azione dello Spirito. Ma è difficile senza l’aiuto di Dio amare fino in fondo, anche nelle situazioni difficili. Quando ci si sente svuotati, soli, delusi. Solo l’amore di Dio che riempie sempre più il cuore può consolare, sostenere, donare pace e gioia anche in certe ardue sofferenze nei rapporti umani.

Qui Gesù va al nucleo dell’amore: se hanno perseguitato me perseguiteranno anche voi. È il rapporto con Dio che determina gli altri rapporti. Se è fasullo nel profondo quello ogni cosa è ingannevole.

A cura di don Giampaolo Centofanti su il suo blog


Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2020 – Gv 15, 18-21
Articolo successivoIl Vangelo del giorno, 16 Maggio 2020