d. Giampaolo Centofanti – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2020

30

Che parole di speranza piena! Gesù non ci dà una pace fasulla, come quella del mondo che è una quiete apparente piena di grovigli irrisolti. Gesù ci conduce col suo amore sereno verso la pace spirituale e umana.

Ossia verso un cuore gioioso nel quale le ferite, le oscurità, i nodi, spirituali e umani vengono sempre più sciolti. Contro tutto ciò il principe di questo mondo pur capace, se Dio glielo permette, di devastarlo non può nel profondo nulla. Cristo stesso è stato crocifisso come un malfamato ma tale condanna si è trasformata nella più grande manifestazione del suo amore.

A cura di don Giampaolo Centofanti su il suo blog


Articolo precedenteIl Vangelo del giorno, 12 Maggio 2020
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2020