Contemplare il Vangelo di oggi 15 Aprile 2020

105

Vangelo di oggi

 Mercoledì fra l’Ottava di Pasqua

«Non ardeva forse in noi il nostro cuore mentre egli conversava con noi lungo la via, quando ci spiegava le Scritture?»

P. Luis PERALTA Hidalgo SDB
(Lisboa, Portogallo)

Oggi, il Vangelo ci assicura che Gesù è vivo e rimane il centro su cui costruire la comunità dei discepoli. Ed è in questo contesto ecclesiale –nell’incontro comunitario, nel dialogo con i fratelli che condividono la stessa fede, nell’ascolto comunitario della Parola di Dio, nell’ amore condiviso in gesti di fratellanza e di servizio- che i discepoli possono avere l’esperienza dell¡incontro con Gesù risorto.

I discepoli carichi di pensieri tristi, non immaginavano che quello sconosciuto fosse infatti il maestro, già risorto. Ma sentivano «bruciare» il cuore (cfr Lc 24,32), quando Egli gli parlava: «spiegando» le Scritture. La luce della Parola dissipava la durezza del loro cuore e «si aprirono loro gli occhi» (Lc 24, 31).

L’icona dei discepoli di Emmaus serve a guidare il lungo cammino dei nostri dubbi, preoccupazioni e delusioni a volte amare. Il divino Viaggiatore resta il nostro compagno per introdurci, con l’interpretazione della Scrittura, nella comprensione dei misteri di Dio. Quando l’incontro diventa pieno, la luce della Parola segue la luce che germoglia dal «Pan di Vita”, con cui Cristo compie in modo supremo la promessa di «Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo» (Mt 28,20).

«Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero»

Rev. D. Xavier PAGÉS i Castañer
(Barcelona, Spagna)

Oggi, «Questo è il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci ed esultiamo!» (Sal 118, 24). Così ci invita a pregare la liturgia di questi giorni della settimana di Pasqua. Rallegriamoci di essere a conoscenza che Gesù è risuscitato, oggi e sempre è con noi! Lui resta al nostro fianco in ogni momento. E’ necessario, però, che lasciamo che Lui ci apra gli occhi della fede per riconoscere che è presente nelle nostre vite. Lui vuole che noi godiamo della Sua compagnia, adempiendo ciò che ci disse: «Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo» (Mt 28,20).

Camminiamo con la speranza che ci offre il fatto di sapere che il Signore ci aiuta a trovare un senso a tutti gli avvenimenti; soprattutto in quei momenti in cui, come i discepoli di Emmaus, ci troviamo tra difficoltà, contrarietà, scoraggiamenti… Di fronte ai diversi avvenimenti, ci conviene saper ascoltare la Sua Parola che ci porterà ad interpretarli alla luce del progetto salvifico di Dio. Sebbene, a volte, forse, erroneamente, ci possa sembrare che non ci ascolti, Lui non si dimentica mai di noi; Lui ci parla sempre. Solamente a noi può mancare la buona disposizione per ascoltare, meditare e contemplare quello che Lui vuole dirci.

Nei diversi ambiti in cui ci muoviamo, frequentemente possiamo trovare persone che, prive di buon senso, vivono come se Dio non esistesse. Conviene che ci rendiamo conto della responsabilità che abbiamo di giungere ad essere strumenti idonei, perché il Signore possa, per mezzo nostro, avvicinarsi e “fare strada” con quelli che ci circondano. Cerchiamo il modo di attuare affinché costoro conoscano la loro condizione di figli di Dio, che Gesù ci ha amato tanto, e che non solo è morto e risuscitato per noi, ma che è voluto rimanere con noi, per sempre, nell’Eucaristia. Fu nel momento di spezzare il pane, quando quei discepoli di Emmaus riconobbero che, era Gesù chi stava, al suo fianco.

Fonte